News

SETTIMANA D’AZIONE CONTRO IL RAZZISMO

MIGRANTI, AD ACQUAFORMOSA TUTTO PRONTO PER LA SETTIMANA D’AZIONE CONTRO IL RAZZISMO

SCARICA QUI IL PRGRAMMA DETTAGLIATO

 
Acquaformosa ancora una volta in prima linea nella promozione della cultura dell’accoglienza e della solidarietà. Il comune guidato dal Sindaco, Gennaro Capparelli, insieme alle Associazioni don Vincenzo Matrangolo e Pretiosa Project, in sinergia con l’Istituto Omnicomprensivo Statale “Polo Arbëreshe” che comprende i plessi scolastici dei Comuni di Acquaformosa, Civita, Firmo, Frascineto, Lungro e San Basile prenderà parte alla XIV Settimana d’Azione contro il Razzismo promossa dall’ UNAR dal 19 al 23 marzo 2018.
Protagonisti i diversi gruppi di classi dell’Istituto Omnicomprensivo e gli ospiti dei progetti SPRAR, coordinati dagli operatori delle Associazioni “Don Vincenzo Matrangolo” e “Pretiosa Project”.
 
Titolo del messaggio: Rritemi Bashk – Cresciamo insieme”, una crescita necessaria per il futuro che si può realizzare solo tramite l’incontro tra culture e identità diverse: “Sono fiero di quest’opportunità- dichiara l’Assessore all’accoglienza e delegato per  l’Immigrazione e della Regione Calabria, Giovanni Manoccio, la comunità di Acquaformosa, ormai riconosciuta a livello europeo come modello d’accoglienza si conferma ancora una volta luogo di pace. In questa settimana d’azione contro il razzismo saranno tante le attività che vedranno come protagonisti i ragazzi dell’Istituto Comprensivo: dalle “officine creative” ai laboratori di cucito e grafica passando per laboratori musicali, presentazione di libri e letture nei diversi plessi dell’Istituto Comprensivo stesso. Il tutto con un solo obiettivo: realizzare  simboli e strumenti che esprimono la “cultura dell’accoglienza. Una vocazione la nostra-conclude Manoccio- che affonda le proprie basi in quella che è la nostra storia: Siamo parte della comunità di origini albanesi che si è insediata nel territorio calabrese più di cinque secoli fa, minoranza etno-linguistica con l’Eparchia di Lungro degli Italo-Albanesi, diocesi bizantina cattolica di rito orientale – e la nostra popolazione costituisce, quindi, un esempio tangibile di storica integrazione di persone che provengono da altri Paesi.”

A Manoccio fa eco la a dirigente scolastica dell’Istituto Omnicomprensivo Statale “Polo Arbëresh”, dott.ssa Rosa Maria Paola Ferraro che sottolinea come la consapevolezza del valore della propria identità, soprattutto per i giovanissimi  è il presupposto necessario per comprendere e accogliere la diversità, considerando l’incontro come occasione di arricchimento. Solo la conoscenza e la consapevolezza arginano fenomeni di intolleranza e di bullismo.”

 Nel ricco programma di attività spicca un concorso di disegno e grafica: l’elaborato vincitore diverrà il logo della manifestazione“Rritemi Bashk – Cresciamo insieme” ed emblema del blog curato dagli studenti dell’Istituto Omnicomprensivo Statale “Polo Arbëresh”, che continuerà la riflessione sulle tematiche di accoglienza e integrazione.
 
L’evento finale, venerdì 23 marzo ad Acquaformosa, è arricchito dalla presentazione dei libri  “Il razzismo non è una favola. Questo piatto non s’ha da fare” di Maurizio Alfano e “I ragazzi venuti dal mare” di Elena Fiore Pisapia e dalla direzione artistica del griot Badara Seck,cantautore e cantastorie, discendente da una famiglia di “sapienti” custodi della tradizione e della storia e personalità di spicco della Comunità senegalese in Italia.
 
La voce piena e solare di Badara Seck, che ha collaborato con artisti del calibro di Miriam MakebaEnnio MorriconeMassimo Ranieri e Fiorella Mannoiaguiderà il coro degli studenti nella esplorazione delle sonorità della musica africana e nella commistione con i canti della tradizione autoctona arbereshe, dando vita a “un canto a colori”, un canto nuovo espressione di rispetto delle identità, incontro di culture diverse e inclusione.